fbpx

FAQ Mentee

Perchè diventare mentee?

Anche se si è estremamente in gamba, può essere complicato capire quale possa essere il percorso adatto a se e, una volta trovato, spesso è difficile capire come poter ottenere il meglio. Proprio per questo è estremamente utile avere un mentor che abbia già fatto un percorso simile a quello che il mentee potrebbe intraprendere. Il mentor potrà dare consigli su come intraprendere la carriera dei sogni se ne si ha già una, oppure aiutare il mentee a capire cosa vuole fare veramente. Inoltre, insieme si possono pianificare obiettivi a breve termine, come ad esempio riuscire ad ottenere uno stage prestigioso la prossima estate.

Qual è la differenza tra un mentor e un professore?

Il mentor aiuta nella crescita personale. Non si tratta di insegnare una materia tecnica, ma piuttosto un percorso di mentorship spingerà il mentee a migliorare sotto diversi profili. Inoltre il mentor non obbligherà a seguire il suo stesso percorso, ma piuttosto lancerà sfide continue.

Ho già molti amici, anche più grandi, che mi stanno dando consigli su come crescere dal punto di vista personale. Perché mi serve un mentor?

E’ importante avere più prospettive. Ad esempio, nel circolo dei propri amici, tutti potrebbero voler andare alla stessa università. Magari quella non è la strada più giusta per tutti, ma per rendersene conto bisogna prima di sentire qualche altro parere che faccia sorgere delle domande.

Inoltre, mentre le persone che normalmente si frequentano all’università sono della stessa età, o poco più grandi, i mentor sono persone adulte e professioniste, quindi un rapporto con loro potrebbe aiutare a sviluppare una visione long term.

Chi sarà il mio mentor?

In base alle preferenze che un mentee ha messo nell’application gli verrà assegnato un mentor. Proprio per questa ragione consigliamo di spiegare nella domanda quali sono alcuni dei propri obiettivi a lungo termine (es. Diventare un ricercatore), tuttavia consigliamo di non preoccuparsi troppo se per adesso non se ne hanno, il percorso di mentorship serve anche a chiarire le idee sotto questo punto di vista.

Quanto dura il programma?

A ogni mentee verrà assegnato un mentor, che lo accompagnerà in un percorso lungo come minimo un anno. Tuttavia Lead the Future incentiva ad instaurare un rapporto personale e che si protragga oltre nel tempo, ad esempio fino al completamento del ciclo di studi. L’impegno richiesto è di un minimo di una chiamata ogni tre mesi, di circa 45 minuti.

Cosa posso fare per ottenere il meglio dal programma?

Ogni rapporto di mentorship è unico e starà al mentor e al mentee impegnarsi per farlo fiorire al meglio. Tuttavia, esistono alcune linee guida generali che se seguite possono essere l’inizio di un rapporto di mentorship di successo.

  • Mettersi d’accordo su un processo prima di iniziare: quando sentirsi, quanto spesso, su quali ambiti concentrarsi, che canale comunicativo usare: faccia a faccia, telefono, videochiamata, etc…
  • Cercare di sentirsi almeno una volta ogni tre mesi, con un ciclo di 10 mesi di: meeting iniziale, check dei progressi, risultati finali
  • Mettete in chiaro gli obiettivi fin da subito: quali sono i 2 o 3 principali obiettivi del mentee per il prossimo anno?
  • Scrivete una timeline degli obiettivi nel corso del tempo per il mentee
  • Prima di ogni chiamata con il mentor, scrivere una lista di punti da discutere, in modo da ottimizzare al meglio il tempo
  • Non lasciare che quello di cui si è discusso nella chiamata venga dimenticato, ma cercare di approfondire i punti trattati con il mentor nelle settimane successive

Step Strutturati

  1. Prima di tutto cercare di definire una lista di obiettivi. Tuttavia non preoccuparsi se ciò risulterà faticoso, il proprio mentor darà una mano durante il primo incontro!!
  2. In un primo meeting, mentee e mentor si allineano e discutono degli obiettivi del mentee.
  3. Continuo mentoring: incontrarsi regolarmente e insieme decidere i prossimi passi da fare, scrivendoli su un documento.
  4. Follow up: sia il mentor che il mentee giudicano costantemente l’efficacia del rapporto; il feedback è essenziale per il successo!